Pretty Little Liars: Marlene King spiega i motivi del finale di serie

Come si può anche solo iniziare a dare una conclusione a sette anni di torsioni, segreti e misteri? Se sei la showrunner di Pretty Little Liars, Marlene King, farai del tuo meglio e speri per il meglio – sapendo che non potrà piacere a tutti.

Pretty Little Liars

Dovevo rimanere lontana dai social media [dopo il finale], perché le persone che non amano le cose si fanno sempre più sentire rispetto a quelle che agiscono”, racconta la King a TVLine.Abbiamo fatto del nostro meglio, e potete vedere quanta cura, attenzione, amore e duro lavoro sono stati messi in quell’episodio – non solo da me, ma dagli attori e dalla crew. Tutti hanno lavorato al di la dei loro limiti, ed è stato un lavoro fatto con amore. Speriamo che la gente prenda un bel respiro e la assorba nel tempo. Forse riguardandolo di nuovo!

TVLINE | So che è una sconcerto che la serie sia finita, ma devi anche sentirti come se ti fossi tolta un peso enorme.
K:Come ho twettato ieri, mi sento un pò felice/triste. È una sensazione così strana di emozioni miste, ma “sollievo” è probabilmente la parola più giusta di tutte. Tutta quella roba stava occupando così tanto spazio nel mio cervello, e ora posso liberarla.”

TVLINE | Prima di passare alle questioni più importanti, mi piace che il finale abbia rivisitato la fuga delle mamme dalla cantina. C’è una risposta definitiva a come sono uscite?
K:Non c’è davvero. Ognuna di loro ha una propria teoria, che va bene. Mi sento come se fossi una grande fan che potrebbe aver scritto come sono uscite... ho adorato la battuta di come Pam non ha bevuto per un anno. Qualunque cosa accadesse, era un caos.”

TVLINE | Sono contento che abbiamo scoperto chi ha generato i gemelli di Alison e Emily, ma loro lo scopriranno mai?
K: “Penso che l’abbiano scoperto. Nella mia mente, lo hanno fatto. In qualche modo sono state informate. Spencer lo sa, quindi devi capire che Spencer gliel’ha detto.”

TVLINE | Spencer lo sa?
K:Voglio dire sì. Non abbiamo visto come l’abbia saputo, ma dirò di sì.

TVLINE | Tornando a Wren, questo potrebbe sembrare morboso, ma sappiamo come è stato ucciso?
K: “Volevamo ucciderlo sulla scena, ma poi non abbiamo più avuto a disposizione Julian Morris, che era disponibile per noi solo per un giorno. Nella nostra mente non possiamo dire come lei l’avrebbe ucciso, ma non credo sia qualcosa che lui ha apprezzato, e credo sia stata una sorpresa. Non poteva sopportare il pensiero di lui, sapendo che lei è Alex e che non l’avrebbe mai accettata come Spencer. Nella sua mente, lei voleva essere Spencer. Era abbastanza contorta da dire: “Beh, ti trasformerò in un diamante per essere sempre con me… e sarò Spencer!

TVLINE | E per un finale pieno di neonati e gravidanze, perché hai fatto in modo che Aria non sia in grado di concepire?
K: “Avevamo bisogno di una ragione affinchè lei avesse un conflitto durante l’episodio. Aveva bisogno di sentirsi come se non avrebbe potuto sposare Ezra, ma non sentirsi così male a tal punto che lui l’avrebbe lasciata all’altare. Era bastato un segreto per farle dubitare che non si fosse presentato.”

TVLINE | Sono rimasto sorpreso dal fatto che la straziante storia di Alex si sia rivelata straordinaria, visto che abbiamo sempre trattato AD come questo cattivo senza emozioni.
K: “Abbiamo cercato di farlo con ciascun “A”, per dare loro una profonda tristezza e una necessità di appartenere e di essere parte di qualcosa. Questo può alimentare tante cose.”

TVLINE | Sono sorpreso che Alex sia vissuta, ad essere onesti. C’era l’idea di ucciderla?
K: “Oh sì. Tutti gli scrittori stavano elaborando quello che pensavano fosse la fine, e molte persone pensavano che Spencer dovesse trovare Alex e ucciderla. Abbiamo parlato di una fine in stile Silenzio degli Agnelli dove Alex si allontana, poi chiama Spencer, e Spencer si avvicina dietro di lei e la spara. Ma sentivo che Mona dovesse vincere il gioco e che le ragazze vivessero felicemente dopo tutto, era perfetto.”

TVLINE | Infine, hai accennato ad un altro spinoff. È un qualcosa che potrebbe accadere?
K:Ne sto parlando con i diretti interessati, ma non c’è ancora una risposta definitiva.”

 

Fonte

Carmen

Sostenitrice del motto "meglio una serie tv oggi e una anche domani". One Tree Hill, Grey's Anatomy, Criminal Minds, Streghe, The L Word tra i telefilm preferiti di sempre.