Doctor Foster: la mini serie con cinque episodi all’ordine del giorno

Dieci motivi per cui non lasciarsi scappare questa mini serie tv e entrare a far parte della famiglia Foster per qualche giorno.

Rilasciata dalla BBC One dal 9 settembre al 7 ottobre 2015, e arrivata in Italia sul sito web Netflix il 31 marzo 2016, la mini-serie racconta le vicende della dottoressa Gemma Foster, la quale inizia a credere che il marito abbia una relazione segreta con un’altra donna.  A partire da questo momento, comincia una serie di indagini che la porteranno a vedere le cose in modo diverso.

 

doctor-foster-1

Poco conosciuta in Italia, mentre in Inghilterra ha avuto un grandissimo successo, Doctor Foster risalta agli occhi con argomenti che toccano la vita di tutti i giorni. Già proiettati verso una seconda stagione, ecco 10 buoni motivi per mettersi in paro da subito e prepararsi ai nuovi episodi:

1 . La forza di Gemma ci fa capire che crollare è umano, ma il comportamento di Simon lascia intendere che perseverare è diabolico;

2 . Tutti i personaggi hanno un ruolo rilevante nel corso della storia, quasi tutto allo stesso livello, elemento che può essere raro in una serie tv;

3 . Suranne Jones (Gemma, ndr)

Ha tutte le caratteristiche che una donna dovrebbe avere quando famiglia, lavoro e vita privata sembrano crollare.

4 . Valori

Ci sono tutti i valori della vita: l’amicizia, l’amore, i tradimenti, la fiducia, le bugie, i sotterfuggi, e ogni personaggio fa parte di uno di questi.

5 . Solo 5 episodi

Sembrano pochi, ma cinque episodi sono il numero perfetto per non annoiare il pubblico con un tema che, a volte, può risultare scontato.

6 . Intrigante

Suspence, intrighi, cambi di ruolo e scene catapultate sono il mix di ingredienti adatti che rendono questo show particolare al punto giusto;

7 . Ma anche profondo

Esplora nel profondo, in pochi passi, il rapporto madre-figlio-padre in un perfetto triangolo dove gli adulti diventano i bambini e i bambini diventano gli adulti;

8 . Perché non sempre i finali migliori sono quelli con l’happy ending

9 . Inoltre, gli artefici della propria felicità siamo solo noi stessi.

10 . Infine, perché la vendetta è un piatto che va servito freddo, sempre.

immagine

In attesa della seconda stagione, dove le vicende dei Foster torneranno sugli schermi inglesi nella prima metà del 2017, vi lasciamo con il trailer della prima. Qui non si tratta di giudicare qualcuno come buono o cattivo. E’ importante ricordare che nessuno è perfetto e, che nelle proprie imperfezioni, riconoscersi e non nascondersi dovrebbe essere il primo passo da fare.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.