Maira in Westeros: Recensione Game of Thrones 6×06

Cari lettori,

terminare un episodio di Game of Thrones con Daenerys che aizza le folle ormai è diventato un must. Ma ciò che più mi salta all’occhio dopo questo episodio è che la stagione 6 è diventata la stagione dei personaggi che ci eravamo dimenticati.

Questi sono i momenti utili del previously on che non c’è mai quando serve e c’è sempre quando ha rotto i maroni.

  • Bran e Meera

Un’altra reunion Stark. Da non credere.

Zio Benjen è a quanto pare vivo, ma è anche diventato un essere sovrannaturale: stava morendo e diventando un estraneo, ma i figli della foresta lo hanno salvato conficcandogli una scheggia di ossidiana nel cuore.

Che sia lui il personaggio misterioso di Manifredde? Forza D&D dateci tanto fantasy oscuro del nord, ne ho bisogno.

Sapevo che era vivo, speravo che fosse vivo. Vorrei solo che si ricongiungessero tutti con Jon.

Ma ciò che più ho amato alla follia sono stati i flashback di Bran: Bran ha visto la morte di suo padre, sua madre e suo fratello per la prima volta nelle sue visioni e vorrei che questo lutto venga fatto vedere nel suo animo. Bran finalmente ci ha mostrato il Re Folle, ci ha mostrato l’Alto Fuoco, ci ha mostrato quel momento in cui Jaime sarebbe diventato per sempre lo Sterminatore di Re.

Io amerei guardare e conoscere quel passato, mi affascina troppo, mi affascina l’era dei Targaryen, il tempo in cui Ned Stark e molti altri erano ancora vivi, ragazzi, ingenui, forti e valorosi.

Vorrei capire tutti questi flashback a cosa mirano. Perché Bran continua ad averne. Suppongo che il potere di Bran sia uno dei poteri più complessi e potenti a cui abbiamo mai assistito fino ad ora. C’è tanto da scoprire.

 

  • Sam e Gilly

Provo dispiacere per Sam, dispiacere che sia nato e cresciuto con un padre insensibile e ottuso. Ma provo più dispiacere per il padre, un padre che non è mai riuscito a vedere quanto gentile ed intelligente fosse suo figlio, che seppure mancasse nella caccia e nella guerra, nella vita reale è un guerriero più valoroso e coraggioso di tutti loro chiusi al sicuro tra in comfort della loro immensa casa.

Ho sofferto con lui, l’impotenza di non poter rispondere a tono, la sensazione di essere, nonostante tutti gli sforzi, sempre non abbastanza per qualcuno, una nullità. Non se lo merita, non dopo la crescita e l’evoluzione che ha avuto al fianco del suo migliore amico Jon. Ma il padre sa cosa ha fatto Sam? Sa chi è Jon fucking Snow?

Gilly è meravigliosa.
E’ sempre stata dalla parte di Sam. Lo ammira, gli è devota e si è veramente affezionata a quel ragazzo. Lei sa quanto coraggioso egli sia, sa quanto è intelligente e quanto il suo cuore sia pieno di amore e compassione. Non è riuscita a stare zitta, non è riuscita a vedere quel ragazzo così buono e in gamba offeso, lo ha difeso come poteva.
E spero davvero che non si dividano, perché sono una famiglia.

Prendiamoci la spada di valyria su che ci serve ad uccidere gli Estranei a noi e non ad impolverarsi in un salone, vai Sam diccene quattro a tuo padre.

 

 

  • Lannister

Tommen è il disonore di una delle casate che più amo.

Prima si pente andando dalla madre cercando conforto e chiedendole di renderlo più forte, poi si schiera dalla parte del suo peggior nemico facendosi manipolare come un bambino con le caramelle.

E in più licenzia suo zio, ah.

WTF TOMMEN?!

Qui c’è qualcosa che non quadra: o Tommen è un’idiota o hanno architettato qualcosa lui e Maergery. Anche perché dal discorso di lei io ho notato una certa furbizia e ironia, un modo per raggirare l’Alto Passero e salvare suo fratello Loras, quindi io spero che ci sia lei dietro tutto ciò e non Tommen, perché non mi fido della sua ‘intelligenza’.

jamie

Quindi spero che Maergery abbia sotto controllo la situazione, perché non può veramente piegarsi in quel modo alla volontà di un pezzente dopo la scena tragica col fratello. Non lo accetto. Ho notato la sua espressione quando è arrivato l’esercito in suo soccorso e lei era entusiasta e sorpresa di ciò. Questo non è lo sguardo di qualcuno a cui è stato fatto il lavaggio del cervello. Chissà se Tommen ne è al corrente, sicuramente a livello di furbizia non se lo fa proprio l’Alto Passero.

Una figura, quella dell’Alto Passero, enigmatica. Ma non riesco a capacitarmi di vedere una stirpe gloriosa come quella dei Lannister sconfitta da un uomo qualunque. Non riesco a capacitarmi di vedere una Cersei così calma e razionale, la Cersei che ricordo io avrebbe architettato vendette in modo maligno sorseggiando del buon vino.

Ma cosa avete fatto diventare i Lannister? Tywin si starà rivoltando nella tomba.

Jaime però con questa scena mi ha dato quei ricordi nostalgici della prima stagione in cui i Lannister erano i Lannister: grandi, potenti, plateali e biondi ♡ e quel cavallo è il mio principe. (ʃƪ ˘ ³˘)♡

Jaime adesso andrà a Delta delle Acque, Brienne andrà a Delta delle Acque sono così contenta di poterli vedere riuniti ma così triste per il mio Tormund.

  • Walder Frey

Come osa Walder Frey essere ancora vivo dopo quello che ci ha fatto? Rivedere quella sala, testimone del Red Wedding, della speranza schiacciata sotto i piedi, del mio Robb Stark e la mia Catelyn traditi e uccisi, mi ha fatto una cosa al cuore. E vedere l’antagonista di Outlander imprigionato qui mi ha fatta molto sorridere.

 

  • Arya

Sapevo che la storyline del nessuno non fosse appropriata per Arya Stark. Arya Stark è quella ragazzina che non sta alle regole di nessuno, è quella ragazzina che impugna con fierezza il suo Ago, è quella ragazzina che non uccide le persone buone, è quella ragazzina che ha passato le pene dell’inferno e il suo passato è ciò che la rende così forte: la ragazza lo ha un nome e il suo nome è Arya Stark, non ha bisogno di essere nessuno, non più.

Quando Arya parla con l’attrice, tra l’altro meravigliosa che le fa un complimento per i suoi occhi e sopracciglia un carattere particolare di Maisie Williams che ho apprezzato, e sembra che parli del personaggio di Cersei, la comprende, in realtà lei stava parlando di se stessa e della perdita di suo padre. “Lei lo amava più di qualsiasi altra persona e le è stato portato via prima di potergli dire addio. Lei non dovrebbe piangere, dovrebbe essere arrabbiata. Perché lei vorrebbe uccidere la persona che le ha portato via tutto questo”. 

Poiché stiamo ripescando personaggi dimenticati che ne dite di riprendere Gendry che con la sua barchetta si ritrova per caso a Braavos in aiuto della sua Arya? Perché Jaquen mi ha profondamente delusa, voler uccidere Arya non ha senso, lei era liberissima di poter andare via se non fosse stata all’altezza del loro credo.

Arya sta tornando a casa. Finalmente.

  • Daenerys

Quando realizzi che a Dany servono mille navi e Yara e Theon hanno appositamente le mille navi rubate e già immagini la loro unione.

Che poi sono l’unica che si è preoccupata per il cavallo bianco? Che fine ha fatto? Non ho fatto altro che pensare a questo mentre lei aizzava la folla. Poor horse. Ormai le scenate di Dany vengono usate solo per dare hype alla situazione ma alla fine ciò in cui è veramente brava è essere ammirata ed essere seguita per conquistare un mondo che è ancora lì da sei stagioni.

Io credo che ormai Dany possa anche essere la regina dell’intero Oriente, non ha bisogno dei casini di Westeros. Il suo mondo è quello, conosce le lingue, conosce le usanze, sarebbe un peccato abbandonare il tutto.

Un episodio di passaggio dopo tutti i cliffhanger finali degli scorsi. Siamo prontissimi a vedere il nord, sono pronta a schierarmi con Jon e veder distruggere la casata Bolton al suo fianco.

Valar Morghulis,

Maira

Aggiungetemi su Facebook: Maira Vista

 

Maira Vista

Companion del Doctor. Blogger di serie TV. Bionda dentro. Per info andate a pagina 394.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.