Recensione Shadowhunters: 1×04 Raising Hell

Salve a tutti Mondani e bentornati al nostro appuntamento del mercoledì con la recensione di una nuova puntata di Shadowhunters.

Prima di iniziare, rinfreschiamoci la memoria con un breve previously on:

  • Simon è riuscito a scappare dal covo dei vampiri grazie all’intervento di Clary, Jace, Alec ed Izzy e all’aiuto di Raphael;
  • Qualcosa è cambiato in Simon, che nota il pulsare della vena sul collo di Clary;
  • Alec e Jace hanno avuto una discussione e il loro legame di parabatai sembra vacillare.

 

Se volete sapere cosa penso della puntata precedente nel dettaglio, cliccate QUI

L’aspettavamo tutti con ansia e, finalmente, è avvenuto: il primo incontro tra Magnus e Alec (fangirlo come se non ci fosse un domani), grazie all’altezza delle nostre aspettative. Inoltre, finalmente, emerge del tutto la gelosia di Jace e quella di Simon e i problemi che a questa si correlano. Buona puntata, la qualità continua a salire, nonostante lo sconvolgimento di alcuni avvenimenti descritti nel libro. Il plauso alla recitazione anche questa settimana va ad Alec e Simon, Clary invece continua a rimanere in bilico.

 

LA PUNTATA

Frammenti dei ricordi perduti di Clary le tornano alla mente sotto forma di sogno dal quale si sveglia ancora un po’ intontita, convinta che accanto a lei ci sia Jace quando invece si tratta di Simon. Simon continua ad avere forti dubbi su Jace e Clary continua a difenderlo a spada (angelica) tratta, nonostante non sappia quasi niente di lui. Ma, soprattutto, vediamo che Jace ha origliato la conversazione, cosa che lo porterà ad essere un pò più vicino al Jace che avevamo sperato di vedere sullo schermo fin dalla prima puntata. EVVIVA!

La sofferenza della friendzone in cui si trova Simon è stata ben resa, grazie soprattutto all’attore che interpreta Simon, unendoci la paura verso la trasformazione che lentamente si sta facendo strada in lui e all’odio crescente nei confronti di Jace, visto come la causa di tutto il male che sta succedendo. Il discorso che fa a Clary prima di lasciare l’Istituto l’ho apprezzato tantissimo. Complimenti.

La faccia di Clary quando vede Jace a petto nudo credo abbia espresso benissimo quello che abbiamo provato anche tutte noi. Cioè…

E del sorrisetto compiaciuto di Jace, ne vogliamo parlare? Credo che finalmente Dominic si stia allineando con il personaggio pensato da Cassandra: l’odio verso Simon, la sfrontatezza, sta emergendo tutto e di questo sono immensamente felice.

Finalmente fa la sua comparsa il rubino rosso di Izzy, anche se ci viene presentato come un regalo che Magnus aveva fatto a Camille, anticipando di qualche libro il fatto che i due, in passato, avessero avuto una storia.

Il breve sguardo su Valentine fa minare la fiducia che avevamo riposto in Van Sprag. Ma, dopotutto, non è colpa sua se hanno scritto una scena in cui uccide con un gas verde velenoso sputato dal suo scagnozzo i membri del conclave. A parte questo, emerge il lato psicopatico eppure calcolatore del personaggio, con la sua ossessione per la purezza degli Shadowhunters e la necessità, per lui, di eliminare i cosidetti “abomini”, includendo l’intero mondo dei Nascosti.

La festa di Magnus non è stata proprio come la sono sempre immaginata, complice la mancanza di Simon con conseguente trasformazione in topolino, per non parlare della localizzazione parabatai, molto simile alla fusione in Dragon’s Ball. A risollevare il morale, l’interpretazione di Magnus e il primo incontro Malec. ALEC HA SORRISO! E’ stato un attimo bellissimo, perfetto, grazie sceneggiatori per questa gioia!

L’evocazione del demone , nonostante sia stata un’aggiunta, l’ho approvata, soprattutto perché ci ha dato modo di passare più tempo in compagnia di Magnus e di vederlo flirtare con Alec. I salti di gioia immensi quando si sono presi per mano, sono stati ben espressi da Izzy, capitano ufficiale della ship. Straziante la scena in cui il demone prende il ricordi legati alla persona che si ama di piùà: quello di Izzy su Alec, quello di Clary su sua madre e quello di Alec, su Jace. Davvero un plauso a Matthew per come ha reso bene il dolore profondo del suo personaggio. Mi ha emozianata.

 

E anche per oggi è tutto. Fatemi sapere cosa ne pensate e, in attesa del nuovo episodio, passate da Shadowhunters Italian Fans e Shadowhunters Italia – www.shadowhunters.it

 

Roberta,

strafiga in nero dal 1992.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.