Harry Potter and the Cursed Child sarà il sequel dei Doni della Morte

Potteriani! Questa non è un’esercitazione, ripeto: QUESTA NON E’ UN’ESERCITAZIONE!

Anni e anni della nostra vita spesi a pregare la Rowling affinchè ci desse un sequel, anche una storiella breve sulla famiglia più conosciuta del mondo magico. Ci siamo accontentati di tutto: briciole di storie su Pottermore, qualche risposta via twitter, e abbiamo continuato ad amdare avanti, senza che però la speranza ci abbandonasse. E adesso, adesso ragazzi, è tempo di risorgere come una fenice!

La notizia è confermata dal Daily Mail: la rappresentazione teatrale “Harry Potter and the Cursed Child” riguarderà Albus Severus Potter, il figlio con il nome più di merda, costretto a fare i conti con l’eredità della fama di suo padre e del fardello che la sua famiglia porta. La storia inizierà proprio dove si era interrotta, ai famosi “19 anni dopo”.

Ieri è stato rivelato il poster ufficiale della rappresentazione, che la Rowling ha ritwittato sul suo profilo, ma solo oggi sono emersi alcuni dettagli della trama.

Harry e il giovane figlio imparano la scomoda verità che “a volte l’oscurità proviene dai posti più inaspettati”. I produttori hanno poi confermato di aver ingaggiato illusionisti e esperti di effetti speciali per dare vita alla magia sul palcoscenico.

I biglietti saranno messi in vendita il 28 ottobre. Le anteprime degli spettacoli inizieranno il 7 giugno al Palace Theatre di Londra, mentre la premiere ufficiale sarà il 30 luglio.

I ticket per le “anteprime” avranno un costo variabile di £20-£50 e£80-£100 (costo complessivo che include Parte I e Parte 2)

Dal 3 agosto in poi, i costi saranno £30-£70 e £100-£130 (costo complessivo che include Parte I e Parte 2).

A causa della lunghezza della storia, J.K. Rowling ha annunciato che la rappresentazione verrà messa in scena in due atti.

Fantastica (come al solito) la reazione della nostra Luna Lovegood, aka Evanna Lynch, che ha subito fatto presente la possibilità di invecchiarsi di 10 anni e fare un nuovo taglio di capelli, se fosse necessario, pur di far parte della rappresentazione.

Il fandom che è sopravvisuto è tornato, ragazzi. E se in questo momento state correndo per casa, urlando e piangendo senza ritegno (come me, ad esempio), ricordate:

Io sto già controllando i biglietti aerei, venite con me?

Roberta

Fonte: Portus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.