American horror story : Freak show

Inizio in sordina per la nuova stagione di American horror story,  c’è da chiedersi se sia mai uscito da questa sordina, lurida e tetra piena di ottime idee svolte quasi mai al meglio.

Certo non si puo negare la teatralità di questa puntata, la stessa che contraddistingue la serie da 3 stagioni, nelle quali la serie è crescieta , male …come un mostro.

Tra le cose che non possiamo negare a questa serie, e a questa stagione ( almeno si spera) è una capacità di fare un ottimo uso dei piani e delle inquadrature più complesse , come abbiamo già visto in “asylum” che riescono sempre a dare un tocco di forte compenetrazione con l’ambiente e il background.

Ancor più innegabile, è la capacità di puntare l’indice sulla nostra società ottusa e perbenista , con i suoi temi macabri oppositivi, provocatori e controversi, mai come ora in questo ultimo inquietante (?) capitolo, il primo intero episodio guarda dall’alto in basso la società degli anni 50 , non troppo lontana dalla nostra, e dice : chi è il vero mostro?

Velo pietoso sul nuovo “cattivo” di stagione twisty sul quale ci avevano promesso grandi cose , che noi aspettiamo, ma che per adesso è solo un grosso mostro banale e per nulla inquietante, che come unico pensiero al massimo può destare la curiosità: chi è il tuo dentista ? E perchè non me lo presenti?

Fortunatamente a consolarci la nostra punta di diamante : gli attori!

Come sempre bravissimi e in grado di tenere in vita una serie che rischia sempre di essere “paurosamente” lenta e noiosa.

A questo freak show do un 7- nella piena consapevolezza che questa serie tende, ormai per usanza a divenire sempre piu inconcludente e sbavata . Speriamo di no altrimenti potrei anche ammazzare qualcuno, con il rischio che ne ricavino su una noiosa sit-com.

Simone De Robbio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.